Facebook trasformerà in oro (anche) il mondo dell'audio parlato?

Il gigante di Menlo Park ha lanciato le Live Audio Rooms e sta mettendo a punto una nuova funzione per il podcasting. Nel frattempo continuano gli investimenti di Spotify nel settore

Ciao! Io sono Andrea Federica de Cesco e questa è Questioni d’orecchio, il mio spazio settimanale dedicato a podcast, audiolibri e altri contenuti audio.

Se mi stai leggendo dalla tua casella di posta elettronica probabilmente sei, come me, un*amante delle newsletter, oltre che dei podcast & Co. Ogni giorno ne leggo decine, da cima a fondo. Credo di essere tra gli utenti con il tasso di apertura delle email più alto del mondo.

Ho creato un Foglio Google dove ho inserito alcune delle newsletter per me imperdibili, indicando per ciascuna chi la cura, di cosa parla, quando esce, in che lingua è scritta, se è gratis o a pagamento e il link per iscrivervi. Ho reso il file editabile da chiunque: mi piacerebbe che tutte le persone newsletter addicted abbiano una lista di consigli da cui attingere. Quindi, sentiti liberə di aggiungere anche tu le tue newsletter del cuore e di condividere il file con chi ti pare. Lo trovi qui.

Intanto, buona lettura!


Questioni d’orecchio è una newsletter indipendente che richiede diverse ore, talvolta giorni, di lavoro. Affinché possa essere sostenibile economicamente è necessario il supporto dei suoi lettori e delle sue lettrici. Cliccando su “Subscribe now” puoi scegliere uno dei piani a pagamento (5 euro al mese o 30 all’anno; ma per i super sostenitori c’è anche l’opzione da 90 euro all’anno).
E se ti sei già iscrittə, GRAZIE! 💙


Le nuove mosse di Spotify e l’ingresso di Facebook nell’audio parlato

Fino a un paio di anni fa il mondo dell’audio parlato appariva una landa desolata, frequentata dai soliti noti (le radio), da qualche editore di audiolibri, dalle prime coraggiose società attive nel podcasting e da alcuni podcaster indipendenti per lo più di scarso successo. Oggi la situazione è completamente diversa. Lo spoken audio, soprattutto quello on demand, rischia persino di diventare di moda, tanto che il settore continua a registrare investimenti da milioni di dollari. I podcaster non si chiamano più podcaster, ma creator. Ed è partita la gara tra i giganti tecnologici per catalizzare l’attenzione di questi ultimi e, di conseguenza, dei loro ascoltatori. Clubhouse ha ulteriormente movimentato i giochi attraverso un nuovo format a metà tra la radio, i podcast e le classiche chat social. «Che genialata!», hanno pensato tutti coloro che si sono precipitati a copiarlo, sebbene dopo una prima fase wow - dovuta anche, probabilmente, al contesto pandemico - ora l’entusiasmo per Clubhouse, Twitter Spaces (che, per inciso, ha appena lanciato una funzione per la monetizzazione) & Co. è scemato. Ma nel frattempo l’ingranaggio si è innescato. Le ultime realtà ad avere lanciato un servizio di audio social sono state Spotify e Facebook.

Spotify Greenroom e l’acquisizione di Podz

Spotify Greenroom, che ha debuttato mercoledì 16 giugno a livello globale, è l’erede diretto di Locker Room. Betty Labs, startup di Los Angeles acquisita da Spotify lo scorso marzo, aveva creato Locker Room per consentire agli utenti di chiacchierare riguardo a tematiche sportive. Greenroom invece non è dedicata ad alcun argomento specifico. A differenza di altri servizi in stile Clubhouse l’app sembra puntare proprio su quei creator a cui accennavo sopra (i podcaster, insomma). Chi dà vita a stanza può infatti inserire il nome del proprio podcast, se ne ha uno, e registrare le conversazioni (le registrazioni vengono poi inviate via email e si possono caricare agilmente su Anchor). Per di più l’host può abilitare la funzione che consente ai partecipanti della stanza di chattare in forma testuale (altro inciso: pare che Clubhouse stia lavorando invece a una funzione di messaggistica privata). E prossimamente Spotify dovrebbe lanciare lo Spotify Creator Fund per aiutare i creator (di audio live, in questo caso) a monetizzare la propria attività.

Il giorno dopo il (ri)lancio di Greenroom Spotify peraltro ha fatto sapere di avere comprato Podz con lo scopo di migliorare la discoverability dei propri podcast. Grazie a una tecnologia di apprendimento automatico Podz, piccola società con sede a New York, genera clip di un minuto che permettono agli utenti di farsi un’idea dei podcast a loro disposizione. Podz è solo l’ultima di una lunga serie di acquisizioni che Spotify ha fatto a partire dal 2019 in ambito podcast.

Le Live Audio Rooms di Facebook e la nuova funzione per il podcasting

Per quanto riguarda Facebook, le sue Live Audio Rooms sono disponbili da lunedì 21 giugno esclusivamente negli Stati Uniti ed esclusivamente per iOS. Al momento soltanto figure pubbliche con il badge di verifica e alcuni gruppi selezionati hanno la possibilità di creare una stanza e invitare altre persone (i loro follower, altre figure pubbliche e gli ascoltatori stessi della stanza) a partecipare come speaker - l’invito può essere inviato anche prima dell’inizio della sessione. Il numero di ascoltatori è illimitato, mentre gli speaker possono essere al massimo cinquanta. Gli speaker possono selezionare un’organizzazione senza scopo di lucro o una realtà che si occupa di raccolta fondi a cui gli ascoltatori possono devolvere donazioni in tempo reale. E gli ascoltatori possono supportare anche gli speaker attraverso Stars, funzione (già esistente) per monetizzare le dirette streaming. Il nome di chi offre una o più stelle all’host viene visualizzato tra i primi, in modo che abbia più visibilità.

Ma non è finita qui. Facebook sta inoltre lavorando a una nuova funzione per il podcasting che include tra gli altri i podcast del rapper Joe Budden e dell’imprenditrice Nicaila Matthews Okome (altri podcast verranno aggiunti nelle prossime settimane). Mentre navigheranno su Facebook gli utenti potranno ascoltare i podcast sia dalle loro pagine Facebook sia dal News Feed attraverso un lettore che funzionerà anche in background quando il display è spento. Questa nuova funzione per i podcast è una cosa diversa rispetto al lettore di musica e podcast lanciato di recente in collaborazione con Spotify (noto anche come Project Boombox), che consente agli utenti di condividere contenuti da Spotify al social network. La nuova funzione invece riguarda i podcast che vengono trasmessi in streaming tramite feed RSS pubblici direttamente su Facebook. Con il lancio del nuovo servizio podcast Facebook sta chiedendo ai podcaster il permesso di salvare i loro contenuti nei server dell’azienda, così da assicurarsi che non violino gli standard della community.

Alla fine dell’estate sarà introdotta anche una funzione per creare e condividere brevi clip dei podcast e una per generare didascalie. Più avanti Facebook realizzerà esperienze social intorno ai podcast e alla fine del 2021 lancerà Soundbites, brevi clip audio sul modello dei Reel. Ma ci sono altri prodotti audio in fase di sviluppo, come una destinazione di ascolto centralizzata, dove verranno raccolti i vari format audio di Facebook, e la possibilità di ascoltare l’audio dei video in background.

* * *

I continui investimenti di Spotify nel campo del podcasting sono senza dubbio promettenti ed eccitanti. Ma la vera rivoluzione per il settore potrebbe arrivare proprio da Facebook, un’azienda che finora non si è mai occupata di audio puro (e tantomeno di audio parlato). Il gigante di Menlo Park è riuscito a trasformare in oro tutto (o quasi) ciò su cui ha messo le mani. Varrà anche per il mondo dello spoken audio?


Le notizie della settimana


Il giocattolo si è rotto. Proviamo un altro gioco?

L’editoriale di Mirko Lagonegro, ceo e cofondatore di Digital MDE

Grandi cambiamenti s’annunciano sotto il cielo della comunicazione, e potrebbero essere una buona cosa per i giovani corsari dell’audio...

Riassunto delle puntate precedenti: per decenni gli inserzionisti pubblicitari che operano nel contesto digital hanno largamente fatto affidamento sui cosiddetti cookie per tracciare gli utenti al fine di fornire loro annunci pubblicitari precisamente mirati e perfettamente misurabili. Dal 2022 ciò sarà, se non impossibile, molto più complesso, poiché Google Chrome, il browser più usato nel mondo, non permetterà più l’uso di quelli detti “di terze parti”, cioè di quelli di cui non dispone direttamente l’inserzionista stesso (mi scuso per la brutale, imprecisa e lacunosa sintesi, ma non è questo l’oggetto del mio ragionamento, ché vorrei piuttosto provare a traguardare alle possibili conseguenze di tutto ‘sto popò di rivoluzione).

Da un convegno organizzato la settimana scorsa da IAB Italia, il regolatore del digital advertising, è emerso che sebbene esistano soluzioni alternative non sono ancora consolidate, e che quindi in questa fase di transizione è necessario testarne quante più possibile per trovare una chiave di lettura completa e scalabile. A farla breve: un mercato cresciuto a latte e biscotti e abituato a targettizzare l’audience seguendone le tracce lasciate online, dovrà a brevissimo ripensare totalmente i propri modelli e implementare nuove soluzioni tecnologiche. E qui ti volevo: sicurə che sia l’unica cosa da fare? Non è che cercando di riparare il giocattolo, cioè di mantenere il consueto approccio tech-based, ci precluderemo la possibilità di provare altre strade?

Attenzione, non immagino certo uno scenario in cui l’importanza della tecnologia quale fattore abilitante per il digital advertising sia messa in discussione, ché è un mercato nel quale la mia azienda opera a più livelli e crede talmente da aver deciso di associarsi a IAB dal 2017. Dico piuttosto che tante azioni di comunicazione si sono affidate alla tecnologia anche (vabbè: soprattutto) per mera convenienza economica, per minimizzare i rischi e per restare in una paciosa comfort zone cara sia a clienti sia ad advertiser.

«La campagna ha ottenuto eclatanti KPI con un ROI da urlo». Benissimo, lo ripeto. Ma approfittare di questo cambiamento epocale e provare anche a sperimentare diverse forme di comunicazione, fa così brutto? Provare nuove modalità per contattare l’audience che vadano oltre all’interruption marketing e si concentrino piuttosto sull’avviare un rapporto con il consumatore? Io credo che sia giunto il momento di, quantomeno, iniziare a ragionarci su. Ché advertising e content non sono antitetici: sono complementari.


I consigli di lettura


Le novità da ascoltare

Podcast

  • C’est la mou, della cantautrice Erica Mou, racconta nove storie di donne diverse accomunate dalla passione per il viaggio - inteso come percorso interiore. Donne partite alla scoperta di un nuovo regno che, lungo il cammino, hanno imparato a usare la propria voce e a sentirla più forte. Il podcast, prodotto da Emons Record con le musiche di Mou stessa, comprende nove puntate da venti minuti, sulle app free. Al momento ne sono uscite due, dedicate rispettivamente a Isabella, una donna vissuta nel secondo dopoguerra, e a Flavia, sopravvissuta al terremoto che nel 2009 sconvolse l’Abruzzo.

  • Anche Vive!, prodotto da storielibere.fm in collaborazione con Il Corriere della Sera e il Piccolo Teatro di Milano, si concentra sulle storie di donne. In questo caso si tratta delle protagoniste della letteratura occidentale, a cui per secoli è stato riservato un finale tragico - come se la morte fosse l’unica forma di sublimazione possibile per il genere femminile. Alessandra Sarchi immagina cosa sarebbe successo se la loro esistenza avesse preso una direzione diversa rispetto a quella prevista dallo scrittore che, con la propria immaginazione, aveva dato loro vita. Si parte con Madame Bovary, per passare poi a Francesca da Rimini, Didone, Ofelia e concludere con Anna Karenina, per un totale di cinque puntate. Sulle app free si trova la prima.
    *P.s. Nei giorni scorsi sono uscite altre due produzioni di storielibere.fm, Innovazione Quotidiana (con Consumatori.it) e A morte il tiranno (disponibile a pagamento su Apple Podcasts).

  • Prêt-à-porter di Azzurra Saveria Bonardi descrive invece ciò che si nasconde dietro le passerelle, gli shooting fotografici e gli apparati visivi dei grandi fashion brand, soffermandosi sulle figure professionali che li popolano. La fashion PR svela trame, macchinazioni e manipolazioni di questo fragile microcosmo di cristallo di cui lei stessa fa parte. Il podcast, prodotto da Storie Avvolgibili, include cinque puntate da dieci minuti circa, tutte già disponibili sulle app d’ascolto gratuite.

Audiolibri

  • In Dante Alessandro Barbero segue lo scrittore fiorentino nella sua adolescenza di figlio d’un usuraio che sogna di appartenere al mondo dei nobili e dei letterati; nei corridoi oscuri della politica, dove gli ideali si infrangono davanti alla realtà meschina degli odi di partito e della corruzione dilagante; nei vagabondaggi dell’esiliato che scopre l’incredibile varietà dell’Italia del Trecento, fra metropoli commerciali e corti cavalleresche. Il libro affronta anche le lacune e i silenzi che rendono incerta la ricostruzione di interi periodi della vita di Dante, presentando gli argomenti pro e contro le diverse ipotesi. La versione audio del libro, edita da Emons ed Editori Laterza, è letta da Alessandro Benvenuti e si trova sia su Storytel sia su Audible. [Durata: 9 ore e 29 minuti]

  • Oltre Babilonia di Igiaba Scego racconta la vicenda di due giovani donne. Zuhra vive a Roma, fa la commessa in una mega libreria e parla romanesco. Ma la lingua a tratti s’inceppa, perché la sua radice è somala e la sua pelle è nera. Anche Mar è romana e nera, di madre argentina e padre somalo. Non si conoscono, ma entrambe partono per Tunisi a imparare l’arabo, lingua delle origini. Si avvia così una storia vorticosa in cui si mescolano linguaggi, epoche, suggestioni di tre Paesi, Italia, Somalia e Argentina. L’audiolibro, con la voce di Esther Elisha, è edito da Storyside e si trova su Storytel. [Durata: 18 ore e 14 minuti]

  • Con Il mondo secondo la fisica il fisico e divulgatore Jim Al-Khalili espone l'intera concezione del mondo secondo la fisica attuale. Per farlo, parte dalle basi, dalle fondamenta stesse della trama di cui è fatta la realtà, chiarendo nel dettaglio, per iniziare, i concetti di spazio, tempo, energia e materia. L'autore espone quindi i tre pilastri su cui poggia la fisica moderna: la relatività, la meccanica quantistica e la termodinamica. Tutto l'audiolibro, edito da Salani e distribuito da Audible, è un'ode alla fisica, forse la più radicale delle avventure intellettuali umane, quella che sopra ogni altra ha l'ambizione di indagare i principi ultimi dell'universo. Il narratore è Stefano Sfondrini. [Durata: cinque ore e 47 minuti]


Quello che hai letto ti è piaciuto? Puoi condividerlo cliccando sul tasto “share”. E se vuoi scrivermi la mia email è andreaf.decesco@gmail.com. Mi trovi anche su InstagramFacebook e Twitter.
A mercoledì prossimo!

Share