I migliori podcast di storia, mitologia e crimine per far viaggiare la mente

Il messaggio ormai dovrebbe essere chiaro a tutti: dobbiamo restare a casa. È l’unico modo per superare l’emergenza sanitaria e sconfiggere il virus che ci sta costringendo a rivoluzionare le nostre vite. Ma nulla ci impedisce di far viaggiare la nostra mente. In questa prima settimana di quarantena vi propongo tre podcast che vi faranno fantasticare e vi permetteranno di andare in mondi lontani senza muovervi dal divano, tutti disponibili sulle app free. (Se non sapete come fare per ascoltare un podcast, qui trovate una guida).

Iniziamo da Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia. Si tratta di una raccolta non ufficiale delle lezioni tenute dal professore di Storia Medievale al Festival della Mente di Sarzana e di una serie di conferenze del sessantenne disponibili su YouTube. Il progetto è nato nel 2018 grazie a Fabrizio Mele, studente di Ingegneria Informatica che dopo avere scoperto per caso i video online delle conferenze del professore ha deciso di trasformarle in podcast per facilitare l’ascolto agli appassionati. I coinvolgenti interventi di Barbero, i cui temi spaziano dalle Crociate alla guerra delle Falkland, sono pubblicati a cadenza settimanale e durano tutti un’ora o più.

Anche le puntate di Mitologia: le meravigliose storie del mondo antico sono pubblicate a cadenza settimanale (l’appuntamento è ogni lunedì alle 7), ma sono molto più brevi delle lezioni di Barbero: ogni episodio dura circa dieci minuti. L’autore e host del podcast, che ha debuttato a fine ottobre, è Alessandro Gelain, attore e insegnante di filosofia, psicologia e scienze umane. La relazione tra Amore e Psiche, le fatiche di Eracle e il mito di Edipo sono alcune delle storie della mitologia greca e romana narrate dal professore, che condisce ogni racconto con i propri commenti e con informazioni di contesto.

Infine vi suggeriamo un podcast sul crimine. Si chiama Demoni urbani. Il lato oscuro della città e si occupa di alcuni tra i più efferati delitti della storia italiana a partire dai luoghi dove sono stati compiuti. In ogni episodio del podcast, ciascuno della durata di mezz’ora circa, l’attore Francesco Migliaccio racconta una suggestiva storia criminale avvenuta in una città italiana. Si va dalla vicenda del mostro di Firenze e quella del killer di Udine, passando per il vampiro di Bergamo. La serie, ideata da Simone Spoladori e prodotta da Gli Ascoltabili, comprende al momento tre stagioni, con una nuova puntata ogni lunedì; la prima risale all’estate 2018.

Podcast, le novità in uscita

La produzione dei podcast - al momento - non si è fermata e le novità in uscita sono ancora molte. (A proposito di novità: la giornalista statunitense Lydia Polgreen lascerà la guida dell’Huffington Post per assumere il ruolo di responsabile dei contenuti di Gimlet Media, società di podcast acquistata l’anno scorso da Spotify).

Innanzitutto vi segnaliamo la nuova puntata di Connessioni, programma di Federica Sgorbissa (prodotto da Sissa Medialab) dove si approfondisce in maniera multidisciplinare la ricerca scientifica su mente e cervello. Il tema di questo nono episodio, disponibile sulle app free da mercoledì 11 marzo, ci sembra estremamente importante: si parla dei risvolti psicologici dell’emergenza relativa al Covid-19. Quali sono le conseguenze che si osservano nella psiche della popolazione italiana? Cosa si può fare per dare una mano agli anziani e alle altre categorie sensibili? A chi si può chiedere aiuto? Quali sono i comportamenti d’allarme? La giornalista ne parla con Roberto Calvani, presidente della sezione del Friuli Venezia Giulia dell’Ordine Nazionale degli Psicologi, e con Francesco Millo, ricercatore nell’ambito della psicologia delle emergenze dell’Università di Bologna.

Giovedì 12 viaggiamo indietro nel tempo, e andiamo in America del Sud, con le prime due puntate di Sorgente Orfana, serie realizzata da Lorenzo Paletti (che ne è autore, voce narrante, produttore e post-produttore) e ospitata da storielibere.fm. Il podcast, sulle piattaforme gratuite, racconta la storia vera dell’incidente nucleare di Goiânia. Nel 1987, mentre il mondo sta facendo i conti con la catastrofe nucleare di Chernobyl, una sorgente radioattiva viene trafugata da una clinica per la radioterapia nella città brasiliana. Nel primo episodio si parla di come un misterioso cilindro di acciaio e piombo, che emana una strana luce blu, arriva nelle mani di Devair Ferreira, proprietario di una discarica; nel secondo di come gli abitanti di Goiânia vengono contaminati e delle operazioni di contenimento.

Infine lunedì 16 esce su Audible Equilitalk, programma composto da dieci puntate da mezz’ora l’una. La fondatrice del sito di notizie lgbtq+ bossy.it Irene Facheris e la rapper Mc Nill danno voce a tutte le domande scomode e fondamentali dei millennial sulla parità di genere e sulla sessualità.

Audiolibri, qualche consiglio d'ascolto

Concludiamo la nostra rubrica con un paio di consigli d’ascolto tra gli audiolibri in arrivo.

Giovedì 12 arriva su Audible Arte e bellezza nell’estetica medievale di Umberto Eco, edito da La nave di Teseo nel 2016 (prima pubblicazione nel 1986). La premessa, che forse non a tutti è nota, è che solo recentemente il Medioevo – dopo secoli in cui è stato trattato solo come periodo buio e barbaro – è stato riscoperto come un’epoca ricca di riflessioni sulla bellezza, sul piacere estetico, sul gusto, sul bello naturale e artistico, sui rapporti tra l’arte e le altre attività umane. In questo saggio il grande semiologo e filosofo, morto nel 2016, ripercorre le riflessioni medievali sul bello, sulla misura, sulla proporzione e sull’armonia così da farci capire meglio la mentalità, il gusto, gli umori dell’uomo medievale – il filosofo, il religioso, ma anche il contadino comune, il fedele analfabeta, l’uomo della strada. L’audiolibro, prodotto da Audible, è narrato dall’attore e doppiatore Alberto Bergamini.

Sempre giovedì 12 esce su Storytel l’audiolibro di Come Dante può salvarti la vita di Enrico Castelli Gattinara (Giunti, 2019). L’autore, insegnante alle scuole medie, tutti i giorni deve trovare il modo per convincere i propri ragazzi che conoscere serve. E quando loro sbuffano alla richiesta di imparare qualche verso di Dante a memoria, comincia a raccontare la storia di un uomo che grazie a quelle terzine è sopravvissuto al campo di concentramento. Nell’era del cosiddetto effetto Dunning-Kruger, per cui chi meno sa più crede di sapere, è bello scoprire che ci sono stati casi in cui sapere, ricordare, rievocare ha fatto letteralmente la differenza tra vivere o morire. Infatti se quel signore è sopravvissuto è stato anche perché aveva avuto l’opportunità di accedere alla cultura. La versione audio del romanzo, prodotta da Giunti, è letta dall’attore e doppiatore Giorgio Perno.

Audible e Storytel, le piattaforme che distribuiscono gli audiolibri appena menzionati, sono a pagamento, con un periodo di prova gratuita (trovate tutte le informazioni qui). Come terzo consiglio d’ascolto vi rimandiamo all’archivio - in continuo aggiornamento - di Ad Alta Voce, programma radiofonico di lettura che va in onda dal lunedì al venerdì, in fascia pomeridiana, sulle frequenze di Rai Radio 3. Attraverso il sito potete accedere gratuitamente a un vasto catalogo di romanzi più o meno recenti e di grandi classici letti ad alta voce da professionisti, da Addio alle armi di Ernest Hemingway narrato da Tommaso Ragno a Vita di Galileo di Bertolt Brecht con la voce di Giorgio Strehler.

A mercoledì prossimo!